Come vendere droga online (in fretta) – stagioni 1 e 2

Trama: Moritz ha 17 anni, un padre poliziotto, una madre assente e una sorellina influencer. Moritz vive in una cittadina di provincia della Germania e, dotato di incredibili doti informatiche, sogna di trasferirsi al più presto in una realtà più stimolante. Tutto procede per il meglio fin quando Lisa, la sua ragazza, non lo lascia optando per uno stile di vita più sfrenato. Arrabbiato e ferito, Moritz, aiutato dal fedele amico Lenny, decide di dare una sterzata totale alla propria vita da nerd.

Anno: 2019 Paese: Germania
Titolo originale: How to Sell Drugs Online (Fast) Episodi: 12
Durata: 25-40 min Genere: teen drama
Voto: 3,5/5

Dal titolo che è tutto un programma, Come vendere droga online (in fretta) è una delle punte di diamante del catalogo Netflix dell’ultimo anno.

Made in Germany come il celebre Dark, è certamente un altro esperimento teutonico riuscito seppur non di paragonabile successo.

Qualcuno potrebbe trovare il tema affrontato da Come vendere droga online (in fretta) un tantino diseducativo ma, come spesso si dibatte, l’espressione artistica non deve insegnare ciò che giusto e ciò che è sbagliato, ma indurre a riflettere per far trarre ad ognuno di noi le conclusioni più opportune per la propria vita.

Una cosa è certa, la serie tv in questione ricalca i fatti esattamente come si svolgerebbero nella vita reale se un gruppo di ragazzini svegli si inserisse nel mercato della droga online: dopo un successo tecnico legato alle indiscutibili doti informatiche in grado di conferire a 17 anni un senso di onnipotenza che perfettamente si sposa con le bravate adolescenziali, i nostri due (poi diventati tre) dell’Apocalisse si trovano a scontrarsi con gli adulti cattivi che non guardano in faccia a nessuno, che tu sia un ragazzino o un disabile. Se poi sei sia un ragazzino che un disabile, puoi iniziare a farti il segno dalla croce.

Un teen drama adatto agli adolescenti

Tuttavia, se vogliamo guardare Come vendere droga online (in fretta) con occhi genitoriali e domandarci se sia il caso o meno di far vedere questo prodotto ai nostri figli adolescenti, la risposta é “si”, a patto che lo si veda per intero, perché solo in tal modo si avrà il quadro completo della situazione: dopo i soldi facili, arriverà chiaramente il momento in cui si sbatte il muso contro l’indiscutibile violenza che governa il mondo della criminalità online, soprattutto se si è dei semplici adolescenti – sebbene svegli – che fino a poco prima online facevano solo giochi sparatutto.

È proprio per via di questo dettaglio che a mio avviso Come vendere droga online (in fretta) si rende interessante nella visione – oltre che per i dialoghi ben costruiti e una trama tutto sommato credibile -, perché ad adulti e ragazzi (in particolare agli adulti), ricorda che i ragazzi di oggi, anche se mediamente più svegli, maturi e competenti, rimangono ragazzi con le ingenuità tipiche della loro età e, anche se mediamente più svegli, maturi e competenti, vanno trattati (e protetti) per quella che è la loro fase di crescita, senza lasciarli mai inadeguatamente soli né eccessivamente responsabilizzati. Non per niente gli eventi raccontati sono ispirati a fatti realmente accaduti.

I fatti reali

Tra il 2013 e il 2015, a Lipsia, Germania l’adolescente Maximilian S. creò Shiny Flakes, un negozio di droga su Internet, gestito interamente dalla propria cameretta. In poco tempo, Max riuscì a guadagnare diversi milioni di euro in Bitcoin giustificati dall’apertura di una società fittizia di web-design. A differenza del protagonista della serie tv però, Max lavorava da solo, finendo presto con il commettere una serie di errori che lo condussero ad essere catturato dalla polizia. Quando fu arrestato, Max possedeva 320 chili di droga pari ad un valore di 4,1 milioni di euro. Processato come minorenne, fu condannato a 7 anni di prigione. Quale magnifica carriera per un piccolo genio dell’informatica! [Detto in tono sarcastico, ovviamente]

A presto,

Giancarla.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...