Quando gli italiani non sono solo pizza e mandolino: Louis Zamperini

Domenica scorsa vi ho proposto un elenco di film interessanti per la formazione di un giovane nel 2020. Tra i diversi titoli proposti, vi ho presentato Unbroken, un film prodotto da Angelina Jolie nel 2014 e ispirato alla vera storia di un atleta italo americano veterano di guerra. Data la sua vita al limite del cinematografico, mi è sembrato doveroso soffermarmici e dedicare un intero articolo solo alla vita da Oscar di Louis Zamperini.

10.0.425036270-k0f-U100462543594DqF-620x349@Gazzetta-Web_articolo

Infanzia

Luois nasce il 26 gennaio 1917 nello stato di New York da Anthony e Louise, una coppia italiana fortemente cattolica originaria della Lombardia. All’età di due anni, nel 1919, si trasferisce con la famiglia a Torrance, in California.

982157ee966fea25d64a26d83ad98cd1

Crescere qui per lui e suo fratello non è semplice in quanto, parlando poco inglese, presto viene preso di mira con atti di bullismo. Per aiutare i suoi figli, il padre li avvia a tirare di boxe.

image005

L’atletica

Iscritto all Torrance High School, dal primo anno viene spinto dal fratello Pete ad entrare nella squadra di atletica dove, nel giro di poco tempo, dimostra il suo talento diventando il più veloce atleta della scuola diplomandosi da imbattuto.

Forte delle sue capacità, nel 1934 Louis stabilisce il record mondiale interscolastico sul miglio col tempo di 4’21″2. Successivamente partecipa al campionato CIF California State vincendo con il tempo di 4’27″8 e, grazie a questo, ottiene una borsa di studio per la University of Southern California. Louis ha solo 17 anni.

Nel 1936, a 19 anni, prova a qualificarsi per le imminenti Olimpiadi di Berlino. All’epoca partecipare alle selezioni prevedeva un grosso impegno da parte degli atleti, sia a livello fisico che economico, in quanto ogni spesa doveva essere sostenuta autonomamente. Fortunatamente il babbo di Louis è ferroviere e può fargli avere un biglietto gratuito, mentre per il vitto e l’alloggio si impegnano gli abitanti di Torrance sostenendolo con una colletta. Così facendo, Louis giunge ai Trials  che si svolgono a Randalls Island, New York.

01h
Louis al centro.

La gara si svolge in una giornata molto calda, ma giocando d’astuzia, pur essendo senza esperienza nella disciplina, Louis sceglie di gareggiare sui 5000 m piani arrivando ex aequo col primatista statunitense Don Lash, qualificandosi e diventando, nel contempo, il più giovane statunitense a partecipare alle Olimpiadi in questa specialità.

ACircleUnbroken-LouisZamperini-InText02-MayJune2014

Le Olimpiadi di Berlino 1936

Luis non è di certo tra i favoriti e la medaglia d’oro è vinta dal campione finlandese Gunnar Höckert, tuttavia egli giunge in finale concludendo all’ottavo posto dopo aver effettuato un eccellente ultimo giro in 56 secondi, catturando l’attenzione di Adolf Hitler che, inseguito, insiste per un incontro personale per complimentarsi.

Lo scoppio della guerra

Nel 1940 si sarebbero dovute tenere le Olimpiadi di Tokyo tuttavia, a seguito dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale, vengono cancellate. Louis dismette gli scarpini da corsa e, come molti suoi coetanei, si arruola. Ha 23 anni.

0703-zamperini

Entra nelle United States Army Air Forces e presto viene impiegato nell’Oceano Pacifico, nell’isola di Funafuti, in qualità di bombardiere. Qui vi rimane per tre anni, fin quando, nell’aprile 1943, durante una missione di bombardamento contro l’isola di Nauru occupata dall’esercito giapponese, il suo aereo non viene gravemente danneggiato. Presto gli viene assegnato un altro velivolo ma, a seguito di un nuovo combattimento, questo affonda nel bel mezzo dell’oceano.

Alla deriva nel Pacifico

Delle undici persone a bordo lui è una delle 3 persone sopravvissute. Con commilitoni Russel Allen Phillips e Francis McNamara, rimane alla deriva per ben 47 giorni, senza cibo né acqua, vivendo al limite del possibile bevendo acqua piovana e mangiando pesci e albatros crudi. Durante questi giorni durissimi, McNamara perde la vita e lo stesso Louis, messo a dura prova fisicamente e mentalmente vive una vera e propria crisi mistica ritrovando, da ateo, la fede in Dio.

Incredibilmente, lui e il suo compagno riescono a raggiungere la terraferma nei pressi delle Isole Marshall, qui però vengono subito catturati dalla Marina Imperiale Nipponica.

La prigionia giapponese

Trasferito da un campo di prigionia all’altro, viene infine assegnato alla prigione militare guidata dal feroce sergente Mutsuhiro Watanabe (inseguito inserito nella lista dei 40 criminali di guerra giapponesi) che, noto per la sua indole sadica, riconosciuto l’ex atleta Zamperini e infastidito dalla sua tempra forte e combattiva, lo sottopone per anni a sevizie, torture e umiliazioni.

watanabe-old-split
Mutsuhiro Watanabe

Senza poter dare notizie ai suoi familiari, negli USA viene prima dichiarato “disperso” ed inseguito “morto in combattimento”. Rimane prigioniero fino all’agosto del 1945.

Il rientro in Patria

Louis, estremamente provato, fa ritorno negli Stati Uniti al termine del conflitto. É accolto come un eroe: nel 1946 sposa Cynthia Applewhite e nello stesso anno, l’aeroporto di Torrance viene rinominato Zamperini Field in suo onore.

Louis Zamperini, Isaiah Davics

Tuttavia i postumi di un’esperienza tanto traumantica quanto quella vissuta da Louis non tardano ad arrivare: ha una gamba ormai compromessa delle ferite di guerra che non gli permette di continuare la carriera sportiva, ed è in pieno disturbo post traumatico da stress. Attanagliato dai ricordi e dagli incubi ricorrenti, perde di lucidità e si rifugia nell’alcool.

01d
Louis e sua moglie.

Ritorno da nulla

È la vicinanza della moglie e il riavvicinamento alla fede cristiana che lo aiutano a riprendere in mano la sua vita, decidendo, nel 1950, di tornare in Giappone e testimoniare contro i suoi aguzzini scegliendo però di abbracciarli e perdonarli.

Ritrovato l’amore per la vita, nel 1954 inaugura in California il Victory Boys Camp, un campeggio senza fini di lucro in cui accogliere e dare una possibilità di salvezza ai “ragazzi a rischio”. Un impegno che lo motiverà e gli darà speranza per il resto dei suoi anni.

Un testimonial di sport e vitalità

Ormai un simbolo per lo sport internazionale, a 81 anni, nel 1998 è nuovamente in Giappone scelto per portare la fiaccola olimpica delle Olimpiadi invernali di Nagano. In questa occasione tenta di incontrare il suo aguzzino Mutsuhiro Watanabe, ma quest’ultimo si rifiuta.

image

Gli ultimi anni

Dopo aver visitato, nel marzo del 2005, lo Stadio Olimpico di Berlino per la prima volta dopo avervi corso circa settanta anni prima, e dopo aver partecipato, nel giugno del 2012, a una puntata di “The Tonight Show with Jay Leno”, Louis Zamperini muore il 2 luglio 2014 a Los Angeles a causa di una polmonite all’età di 97 anni.

Di lui si dice che nonostante gli acciacchi dell’età continuasse a correre e ad arrampicarsi ogni settimana sul Cahuenga Peak, e che non rinunciasse a salire sullo skateboard.

Louis_Zamperini_5

Sulla sua vita è stato scritto il libro pubblicato nel 2010 Sono ancora un uomo. Una storia epica di resistenza e coraggio, di Laura Hillenbrand, da cui è stato tratto il film Unbroken del 2014.

A presto,

Giancarla.

 

Fonti: Avvenire; Biografieonline; Film.it; il Tempo; Prima Bergamo; The Living News; Wikipedia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...